Sample Article

       

Prima predazione della stagione d'alpeggio a Marcesina

  • 17 Giugno 2021
  • Cronaca
  • Di Stefania Longhini

Una mucca abbattuta per le gravi ferite riportate

 Appena 48 ore di pascolo in altura e subito si devono registrare le prime predazioni della stagione da parte dei lupi. Non è cominciato nel migliore dei modi l'alpeggio in Altopiano, soprattutto per l'azienda agricola condotta da Andrea e Matteo Dalla Palma, di Enego, a Malga 1° lotto Valmaron - Marcesina. Risultato dell'attacco dei predatori, avvenuto nella notte tra lunedì e martedì, una manza che, seppur trovata ancora viva, è stata successivamente soppressa, con l'intervento del veterinario, a causa della grave entità delle ferite riportate. Da mettere in conto anche lo spavento per il resto della mandria, scappata dal recinto e radunata poi a fatica.
"Con questa prima predazione della stagione - ironizzano i gestori della malga - siamo arrivati a 10 in tre anni per la nostra azienda, non male, no? Quasi quasi ci meritiamo un premio".

"Purtroppo è spettato ad una delle malghe di Enego il primato di questa stagione - dice il sindaco Ivo Boscardin - non è un modo incentivante per cominciare. Spero questo non significhi che abbiamo davanti una stagione di alpeggio calda da questo punto di vista, anche se, purtroppo, è facile prevederlo. Come si sa, le mucche, specie appena arrivate in altura, dopo mesi di immobilità nelle stalle, sono prede ancora più facili per i lupi".

Quale soluzione si può trovare secondo lei?

"Trovo che sia materialmente impossibile recintare adeguatamente tutti gli ettari che sono in capo ad una malga, come ritengo decisamente difficoltoso radunare ogni sera oltre 100 mucche in un recinto. Le soluzioni prospettate finora non sono plausibili, bisogna trovare delle alternative realisticamente attuabili".

Intervenire dunque sul lupo, con metodi di contenimento?

"Dobbiamo chiederci seriamente cosa conviene di più salvaguardare, il lupo o le tante aziende che contribuiscono a mantenere in ordine e curato il nostro territorio? Quale parte ha più valore? A mio avviso qui siamo più di fronte alla difesa di una moda piuttosto che delle realtà produttive che sono veramente importanti. Marcesina non sarebbe così usufruibile se rinunciassimo al ruolo delle malghe sia per la gestione dell'erbatico, che per l'accoglienza ai tanti turisti che frequentano la zona".

RIPRODUZIONE RISERVATA
Autore

Stefania Longhini

Stefania Longhini, giornalista pubblicista (iscritta all'Ordine dei giornalisti del Veneto dal 1996). Tra i fondatori de l'Altopiano e direttore di questo quindicinale dal gennaio 2003. Ha una lunga esperienza nel campo giornalistico, grazie alla collaborazione, nel tempo, con varie testate sia della carta stampata (La Difesa del Popolo, Il Gazzettino, La Piazza dell'Altopiano, Asiago ieri oggi domani, Il Giornale di Vicenza), che radiofoniche (Radio Comunità Cristiana Altopiano, Radio Asiago, Radio Sette), che televisive (corrispondente dall'Altopiano per Tva Vicenza dal 96 al 2004).





POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

  Tutti i risultati:
Mangiare
Dormire
Comprare
Servizi