Sample Article

       

Sulla morte di Giulia Rigon il fidanzato nega ogni responsabilità

  • 20 Dicembre 2021
  • Cronaca
  • Di Stefania Longhini

Henrique Cappellari rimane comunque tra i principali sospettati

Mille domande. Il giorno dopo il tragico ritrovamento del cadavere dell'asiaghese Giulia Rigon nella roulotte dove da qualche tempo abitava col fidanzato, Henrique Cappellari, a Bassano del Grappa, restano ancora solo dei grandi punti interrogativi. Nelle prossime ore si svolgerà  l'autopsia sul corpo della giovane donna che potranno dare delle prime importanti risposte.

Cappellari ieri, portato in caserma dei Carabinieri di Bassano, è stato messo sotto torchio e a quanto pare avrebbe negato ogni responsabilità di quanto accaduto. Secondo quanto traspare dagli inquirenti, avrebbe dichiarato che l'evidente ferita sulla fronte Giulia "se la sarebbe fatta cadendo".
Dalla prima ispezione del cadavere, come dichiarano gli inquirenti, sembra però che la donna possa essere deceduta in seguito a percosse. Tra le certezze, come riporta il Giornale di Vicenza oggi, anche quella che Giulia sia morta molte ore prima dell'allarme, forse nella serata di sabato.

Giulia Rigon, 31 anni, da settembre lavorava al supermercato Battocchio di Romano. Viene descritta come una ragazza timida e riservata, dal carattere fragile ma gentile. Di lei a conquistare era la sua espressione dolce e il suo bellissimo sorriso. E' quello che ricordano anche gli altopianesi che l'hanno conosciuta, anche nel negozio di alimentari dei suoi genitori, ad Asiago, dove aveva lavorato per qualche tempo.

Da pochi mesi aveva deciso di fermarsi a vivere nel camper parcheggiato in Via Capitelvecchio insieme ad Henrique, ragazzo dall'esistenza tormentata, che risulta essere senza fissa dimora e senza lavoro. Lui, 29 anni, è di origini brasiliane, ma arriva dall'Altopiano, da Foza, dove era stato accolto da piccolo dalla famiglia Cappellari come figlio adottivo.
Nelle indagini in corso per omicidio rimane per il momento tra i principali sospettati.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Autore

Stefania Longhini

Stefania Longhini, giornalista pubblicista (iscritta all'Ordine dei giornalisti del Veneto dal 1996). Tra i fondatori de l'Altopiano e direttore di questo quindicinale dal gennaio 2003. Ha una lunga esperienza nel campo giornalistico, grazie alla collaborazione, nel tempo, con varie testate sia della carta stampata (La Difesa del Popolo, Il Gazzettino, La Piazza dell'Altopiano, Asiago ieri oggi domani, Il Giornale di Vicenza), che radiofoniche (Radio Comunità Cristiana Altopiano, Radio Asiago, Radio Sette), che televisive (corrispondente dall'Altopiano per Tva Vicenza dal 96 al 2004).





POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

  Tutti i risultati:
Mangiare
Dormire
Comprare
Servizi