Sample Article

       

Discarica Melagon: l'indagine esclude pericolo di inquinamento delle falde

  • 21 Settembre 2022
  • Attualità
  • Di Giulia Rigoni

Continuo il monitoraggio del sito

La discarica di Melagon non presenta alcun rischio di sversamento di percolato ed idrogeologico. Lo hanno affermato, in seguito ad uno studio, i docenti dell'Università di Padova Rita Deiana e Giorgio Cassiani, assieme all'ingegner Soldani di Sinergeo in seguito ad una serie di indagini idrogeologiche ed idrochimiche per la tutela ambientale della risorsa idrica affidate dall'amministrazione comunale di Asiago.

I primi studi si erano svolti nel 2019, in seguito era emersa una macchia sospetta e proprio per fugare ogni dubbio su questa e sulla presenza di grosse cavità al di sotto della discarica di Melagon si è deciso di proseguire negli studi coinvolgendo insieme al gestore AVA (Alto Vicentino Ambiente) nuovamente l'Università di Padova come ente neutrale.

I risultati delle indagini esposti in una conferenza stampa che si è svolta nella sala consiliare del comune di Asiago martedì 20 settembre sono confortanti e garantiscono la sicurezza della discarica e quindi delle acque che sgorgano nella sottostante Oliero.

Attraverso una serie di metodologie sia predittive e non invasive che sul campo di ultima generazione si è stati in grado di condurre un'indagine molto approfondita e scongiurare la presenza di grosse cavità, correlando nel contempo la macchia alla presenza di acqua e sedimenti e non di percolato.


Risultati confortanti che possono far tirare un respiro di sollievo, mantenendo però costantemente alta l'attenzione e continuo il monitoraggio per tutto il periodo di trent'anni di post mortem della discarica.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Autore

Giulia Rigoni





POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
Etra

  Tutti i risultati:
Mangiare
Dormire
Comprare
Servizi