Sample Article

       

Tragedia di Foza: le dinamiche dell'incidente mortale

  • 21 Novembre 2021
  • Cronaca
  • Di Redazione

La ricostruzione degli inquirenti

Deceduto sul colpo, per schiacciamento del torace. Questo il responso del medico legale dopo l'ispezione sul corpo del giovane Andrea Cappellari, il 21enne di Foza che ha perso la vita nel pomeriggio di venerdì mentre stava recuperando del legname nel bosco di famiglia, in Val Piana a poca distanza dalla casa della nonna.

Il giorno dopo il tragico incidente, i Carabinieri di Asiago, insieme ad un tecnico dello Spisal, sono tornati sul posto per il sopralluogo, che non era stato possibile eseguire la sera precedente a causa del buio, per cercare di ricostruire la dinamica di quanto accaduto, visto che Andrea era da solo e non ci sono stati testimoni diretti del fatto.

Tutta la relazione è già sul tavolo del pubblico ministero Alessia La Placa che la esaminerà quanto prima in modo da poter dare in fretta il nulla osta per i funerali. L'area in cui è avvenuta la disgrazia rimane per il momento sotto sequestro anche se agli inquirenti è risultato subito chiaro il fatto che non ci siano responsabilità di sorta e che quanto accaduto possa essere classificato come "puramente accidentale".

Da qualche giorno, il giovane, che lavora come boscaiolo, si stava dedicando a spostare alcuni tronchi d'albero, precedentemente tagliati e sramati, dal bosco fino alla stradina sottostante con l'ausilio di un piccolo trattore con verricello. Ad un certo punto, secondo i rilievi, il tronco che stava trascinando a valle deve essersi messo di traverso.

Il giovane ha fermato il trattore, lasciando il motore acceso, con l'intento, si suppone, di legare meglio il tronco con una catena per evitare che si mettesse a rotolare pericolosamente lungo la ripida discesa verso la sottostante baracca che funge da ripostiglio per gli attrezzi.

Andrea  deve quindi essersi sdraiato a terra in posizione prona, probabilmente per poter verificare in quale punto si potesse infilare la catena, quando il tronco, il cui peso stimato si aggira sui 4 quintali, si è improvvisamente spostato travolgendo il ragazzo.

Nel frattempo la nonna, da casa, sentendo il motore del trattore sempre acceso ha cominciato a preoccuparsi e a chiamarlo; il sospetto che fosse successo qualcosa è cresciuto quando ha visto il cane, che era con Andrea, tornare a casa da solo. Ha allora allertato un parente vicino di casa che si è recato sul posto facendo la tristissima scoperta.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Autore

Redazione





POTREBBE INTERESSARTI ANCHE