Sample Article

       

'Ciao Giulia, ora nessuno potrà più farti del male'

  • 31 Dicembre 2021
  • Cronaca
  • Di Redazione

Partecipazione e commozione nel duomo di Asiago per l'ultimo saluto a Giulia Rigon

 "Giulia ora sei tra le braccia del Signore dove nessuno potrà più farti del male". Con queste parole il parroco di Asiago Don Roberto Bonomo ha voluto salutare Giulia Rigon. Le esequie si sono tenute stamattina nel duomo di San Matteo, 12 giorni dopo l'omicidio della giovane asighese.

Durante i funerali, la bara in legno chiaro sulla quale era appoggiata una composizione di rose bianche, ha sottolinenato la limpidezza con la quale Giulia ha vissuto, nonostante la sua anima fosse spesso tormentata, perennemente in lotta con la tristezza.
Al termine della celebrazione il saluto degli amici e dei cugini oltre che della sorella Valentina che ha voluto ricordare Giulia negli ultimi tempi, quando, uscita dalla casa di sostegno, aveva trovato lavoro.

"Eri al settimo cielo e noi con te. Sembravano passati i momenti di difficoltà, quando le tue chiacchiere si sono trasformate in lunghi silenzi". Molti ricordi si sono susseguiti durante tutta la celebrazione funebre proprio per non lasciare al dolore il vuoto causato dalla scomparsa di Giulia. Ricordi che hanno provocato tanta commozione nella folla che ha riempito il Duomo San Matteo che non ha potuto contenere tutti a causa delle norme sul distanziamento; anche all'esterno molte persone che avevano conosciuto Giulia e che hanno voluto esserci per esprimere la loro vicinanza alla famiglia Rigon.

A portare il sostegno di tutta la comunità altopianese c'erano numerosi amministratori locali tra cui i sindaci di Asiago, Roana, Lusiana Conco e Rotzo. G.R

RIPRODUZIONE RISERVATA
Autore

Redazione





POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
Etra

  Tutti i risultati:
Mangiare
Dormire
Comprare
Servizi